Warning: Illegal string offset 'detectBots' in /nfs/c04/h07/mnt/62785/domains/ideavino.net/html/wp-content/plugins/simple-ads-manager/widget.class.php on line 27

Warning: Illegal string offset 'detectBots' in /nfs/c04/h07/mnt/62785/domains/ideavino.net/html/wp-content/plugins/simple-ads-manager/widget.class.php on line 166

Warning: Illegal string offset 'detectBots' in /nfs/c04/h07/mnt/62785/domains/ideavino.net/html/wp-content/plugins/simple-ads-manager/widget.class.php on line 305

Warning: Illegal string offset 'detectBots' in /nfs/c04/h07/mnt/62785/domains/ideavino.net/html/wp-content/plugins/simple-ads-manager/widget.class.php on line 444
F1 amarcord parte 1 – Tyrrell P34 | Idea Motori

F1 amarcord parte 1 – Tyrrell P34

di

Con questo post intendo inaugurare una particolare sezione del blog dedicata alle auto che più di tutte hanno segnato la storia dell’automobilismo, dalle pietre miliari che hanno fatto incetta di corse e titoli mondiali, fino ad arrivare alle “meteore”, con alcuni denominatori comuni: l’intuizione e l’originalità del progetto

…e quale auto poteva incarnare meglio questi concetti, se non la celebre Tyrrell P34? Agli appassionati questo nome è sufficiente per evocare il ricordo di un’auto assolutamente fuori dagli schemi…ai non addetti ai lavori invece saranno sufficienti un paio di parole: sei ruote.

E’ proprio questo il concetto su cui si basava quest’auto, iscritta al campionato del mondo del 1976, e fin da subito vincente (doppietta per i piloti Scheckter e Depailler al Gran Premio di Svezia): l’abbandono del classico schema automobilistico, in favore di un articolato sistema a sei pneumatici, di cui quattro frontali di dimensioni ridotte, e due convenzionali al posteriore. Tanta spregiudicatezza progettuale si basava su un concetto altrettanto semplice: la riduzione della sezione frontale dell’auto, che poteva contare su una carreggiata anteriore estremamente ridotta (e quindi bassa resistenza aerodinamica, dato che i pneumatici anteriori risultavano quasi totalmente carenati) a parità di impronta degli pneumatici a terra. Il concetto si dimostrò molto efficace, permettendo ai piloti inserimenti in curva addirittura migliori rispetto alle auto “convenzionali”, e garantendo un’efficienza aerodinamica senza eguali (leggi: velocità di punta più elevate). Il progetto conobbe il suo declino prematuro a causa del mancato sviluppo di pneumatici idonei  da parte di Goodyear (le carenature provocavano surriscaldamenti precoci delle gomme, e lo sviluppo fu arrestato a causa dei mancati ritorni sul mercato di un’auto….a sei ruote!), mentre la morte definitiva fu sancita dalla federazione internazionale, che impose per le auto da corsa il vincolo dei quattro pneumatici.

Commenta l'articolo